La Primula e la Città Giardino, raccontate dal Menabò

Il Menabò è un periodico indipendente che, recita l’editoriale del numero di giugno, il numero 2, vuole essere “un contenitore di storie, di volti e di progetti che in quanto tali evolvono, quindi cambiano, offrendo nuovi argomenti“.

Storie, volti e progetti che hanno in comune il loro essere nati all’interno della cosiddetta Città Giardino, per l’esattezza Città Giardino Aniene, il nome che ebbe dal 1924 al 1951 il quartiere che il 19 luglio 1951 venne ribattezzato come Montesacro dall’allora Governatore di Roma.

Per chi non lo sapesse, il nome Montesacro deriva da un (pomposamente denominato) Monte, in realtà una collinetta, posto tra la riva destra dell’Aniene (Anio) e l’antica Via Nomentana. Cioè tra l’attuale Ponte Nomentano e la confluenza dell’Aniene con il Fosso della Cecchina (antico rio Ulmano).

Sacer perchè vi si recavano i sacerdoti detti àuguri e perchè, dopo la rivolta dei plebei dell’epoca di Menenio Agrippa, i plebei eressero sulla sua cima un’ara dedicata a Giove Terrifico (ca. 494 a.C.).

Ponte Nomentano e sullo sfondo il Monte Sacro

Ponte Nomentano e sullo sfondo il Monte Sacro

 

La Primula fa indubbiamente parte di questo mondo, ed è senza dubbio una realtà in crescita ed in evoluzione, come quelle di cui si vuole occupare il giornale il Menabò. Così la giornalista Alice Paesetto, cogliamo l’occasione per ringraziare lei e Beatrice Mele, Direttore responsabile, ci ha regalato un bell’articolo di presentazione a pagina 12 del numero di giugno in cui presenta la nostra Associazione e la nostra Scuola, facendo anche riferimento a questo sito.

Copie del giornale le trovate disponibili sia a Via della Cisa che a Via Palenco. Vi invitiamo a prenderle e farne omaggio a chi pensate interessato alla nostra realtà.

Postiamo comunque qui la scansione della pagina 12, in modo che possiate, volendo, stamparla e farne copie.

E grazie ancora al Menabò!

articoloprimula-page-001