La domenica delle Palme

È splendido il sole quando sorge al mattino e fa nascere il giorno; eppure questo sole esteriore, al quale l’uomo , come essere materiale, è legato, tramonta ogni sera.

Quando è passato il colmo dell’estate , si ritrae dalla terra e la sua forza si spegne. Come avviene per la vita umana: ognuno di noi deve, ad un certo istante, morire, indipendentemente dalla vitalità dimostrata in gioventù.

La domenica delle Palme e il giorno dell’antico sole, del sole materiale ; la domenica di Pasqua sarà il giorno del nuovo sole, del sole spirituale. Il sole spirituale non tramonta : è forte e vigoroso, ma può essere scoperto più facilmente in tempi difficili, nella malattia e nella morte, piuttosto che nella felicità  o nei giorni spensierati della giovinezza .

Il Cristo fa il suo ingresso nella vecchia Gerusalemme la domenica delle Palme, ma porta con sé, in un mondo che muore la nuova Gerusalemme. Il Cristo vuol far sorgere il nuovo sole, puro e presente nelle intime profondità della terra e dell’uomo: questa è la strada che porta dalla domenica delle Palme alla domenica di Pasqua, dal vecchio al nuovo sole.

Da Emil Bock- I tre anni